Blog.it - Donna

Emergenza “chemsex”, il sesso chimico che sta dilagando a Milano

E’ sempre più emergenza “chemsex”, ovvero avere rapporti sessuali utilizzando sostanze chimiche dopanti e stimolanti.

Il fenomeno del “sesso chimico” arriva dagli USA e dall’Inghilterra e si sta diffondendo a macchia d’olio anche nel nostro paese. Tutto è nato all’interno delle cosiddette “dark room”, ovvero stanze adibite esclusivamente al consumo di rapporti sessuali, in cui più facilmente si utilizzano sostanze stupefacenti. Secondo gli esperti la situazione è preoccupante, a tal punto che la psicologa Alessandra Bianchi, che fa parte dell’Associazione solidarietà Aids, ha istituito un servizio di terapia di gruppo per coloro che sono coinvolti nel chemsex. Sebbene i dati evidenzino una maggiore incidenza negli uomini over 50, questo fenomeno colpisce tutti indiscriminatamente, ed è difficilmente controllabile perché in tanti preferiscono non parlarne, dando magari poco peso al problema.

Le droghe maggiormente usate in questa pericolosa pratica sessuale sono tante: diversi tipi di popper, la droga dello stupro, ma anche droghe sintetiche come il Mdpv e l’oppioide fentanyl, 100 volte più potente della morfina. Questo fa comprendere l’enorme pericolo sociale causato dal chemsex, perché si diffonde nell’ombra e può portare anche alla morte.

Lascia un commento

Follow us

Don't be shy, get in touch. We love meeting interesting people and making new friends.

Most discussed